giovedì 19 novembre 2009

Il biscotto bretone

pubblicata

Rubo questa ricetta a Camille, del blog Cakes in the city.

Quando vado in Francia non manco mai di tornare con quintali di sablés bretons. Peccato non abbia così tante occasioni di fare un salto al di là delle Alpi nei giorni feriali quando i negozi sono aperti…

E quindi, se la montagna non va a Maometto, sarà lui ad andare da lei (e qui calza a pennello…).

Ricetta sperimentatra e approvata, da modificare solo leggermente: i biscotti che compro normalmente sono più croccanti, questi sono un po’ troppo morbidosi per i miei gusti. Magari anche i sablés di PH sono così, ma io compro sempre quelli del supermercato… e mi piacciono tanto.

Era da tanto che non preparavo dei biscotti, e con l’occasione ho potuto anche mettere alla prova i miei nuovi stampini dalle forme più strane: culla, biberon, ombrello, innaffiatoio, slitta, borsetta, ballerine, abito, fiocco di neve ecc.

Sono davvero molto carini, anche se purtroppo l’acciaio viene spacciato per inox, ma tanto inossidabile non è (è forse l’unica pecca, ma non è mica cosa da poco!).

Ricetta per circa 50 biscotti (piccoli e grandi):

  • 200 g di burro morbido (non fuso, raccomanda Camille);
  • 120 g di zucchero;
  • 3 tuorli;
  • un pizzico di sale;
  • 370 g di farina (1 se possibile);
  • un rosso d’uovo stemperato con un goccio d’acqua per la doratura;

Mescolate il burro, i tuorli e lo zucchero per ottenere un composto spumoso.

Aggiungere la farina e il sale (io ho usato del fior di sale di Guérande). Mettete l’impasto ottenuto (che sarà molto morbido) nel frigo per almeno una ventina di minuti.

Trascorso questo tempo infarinate leggermente il piano di lavoro e stendete l’impasto ad un’altezza di circa 4 mm.

Spennellate con il tuorlo una prima volta, lasciate passare cinque minuti e ripetete l’operazione. Se volete potete a questo punto tracciare quelle righe decorative tipiche di questi biscotti (io sono pigra, lo sapete).

Infornate a 160°C per circa 12 minuti, il bordo deve essere solo leggermente dorato.

Questi biscotti, insieme ai krumiri, andranno a riempire le scatoline natalizie che a breve vi mostrerò.

2 commenti:

Milla ha detto...

Non conoscevo questi biscotti, ma li segno subito, mi hai fatto venir una grande curiosità di provarli!
a presto

Giorgia ha detto...

sono buonissimi, devi assolutamente provarli. se posso darti un consiglio prova a farli dorare un po' di più.