sabato 8 gennaio 2011

Sperimentazioni carnivore

Questa è una ricetta che ho azzardato l’altro giorno dopo essermi ritrovata con due cosce di coniglio nel frigo.

Tra l’altro è stata la terza volta in vita mia in cui l’ho mangiato…

Ammetto di non aver manifestato grande entusiasmo nel momento in cui ho aperto il pacchettino del macellaio… un po’ perché io la carne non la so cucinare, un po’ perché ne mangio il meno possibile, un po’ perché di coniglietti trovati per strada in casa mia ne sono passati diversi (trovati abbandonati, non comprati!).

Il danno era ormai fatto e di certo il coniglio non potevo resuscitarlo, quindi m’è toccato pensare a come prepararlo a dovere. Chiaramente libri con ricette di carne semplici in casa mia non ce ne sono (sempre per i motivi succitati), e quelle trovate nei vari blog (poche, a dir la verità) non erano adatte alle mie due coscette.

Alla fine ho deciso di fare un soffritto con abbondante cipolla ed olio extravergine. Dopo di che ho fatto rosolare per bene le coscette, una volta rosolate le ho tolte e tenute in caldo aggiungendo al soffritto un paio di cucchiaini di concentrato di pomodoro (non ne avevo di più, ma secondo me si può abbondare). Ho rimesso le coscette in pentola e ho annaffiato con un bicchiere di Nebbiolo, lasciato evaporare un po’ l’acool, aggiunto due cucchiaini di melata di bosco e coperto mantenendo il fuoco molto basso. Ho lasciato cuocere fino a che la salsa non si è ispessita rigirando ogni tanto la carne e facendo attenzione a non bruciarla (nel caso vi accorgeste che il sugo si è consumato aggiungete un altro goccio di vino, ma se cuocete a fuoco basso non dovreste avere questo problema). A cottura ultimata (una mezz’oretta, credo, l’ho controllata a vista perché non sono pratica) ho messo le coscette nel piatto e le ho bagnate con un po’ di salsa. Quella avanzata (parecchia) mi è servita per condire alla sera degli squisiti tagliolini.

_MG_6088c

Le foto sono quel che sono, ma credo di essere un po’ negata… al di là della luce e dell’inquadratura, sicuramente nel piatto del coniglio due patate arrosto avrebbero fatto la loro figura. Ma erano le due passate di sabato pomeriggio, non ne ho avuto il tempo.

_MG_6094c

Questo invece il pasto serale… Non sono tagliolini veri, ma taglierini, che a me sembrano tanto delle bavette di pasta all’uovo. Però il risultato è stato più che soddisfacente.

Loro i due teppisti che minaccio sempre di infilare nel forno insieme alle patate al posto del coniglio…

 _MG_5504 _MG_6001

Non mi prendono mai sul serio.

2 commenti:

Moscerino ha detto...

che carini i gattini!!! ho fatto un giro anche io di recente in cerca di ricette di carne, ma in effetti scarseggiano, specie sul mio di blog!

Giorgia ha detto...

mmmhh... dovremmo pensare ad una raccolta di ricette di carne, nonchè ad un vademecum sulle tecniche di preparazione...
belli i miei bambini! loro sarebbero molto contenti se preparassi più carne in effetti...