sabato 28 maggio 2011

Caviale di fagioli

A dirla tutta non so come si prepari esattamente un caviale di verdure, o se esista una ricetta base. Il mio è nato dalla necessità di procurarmi cibo morbido ma salato che sostituisse budini e gelati degli ultimi dieci giorni.

Ebbene sì, alla tenera età di 30 anni ho pensato bene di farmi togliere le tonsille!  Per carità, forse si tratta della soluzione più indolore per perdere 5-6 kg molto rapidamente, perché tanto l’appetito è latitante. Il problema è che se solo adesso penso ad un budino mi viene la nausea. Non ne potevo più, ho passato le notti a sognare fette di pane, olio e sale. Ma anche un riso bollito…

Avevo bisogno di qualcosa di saporito e (soprattutto) salato che si potesse mangiare anche freddo (beh, non proprio ghiacciato).

Il puré di patate freddo non mi ispirava granché, e allora ho pensato ai fagioli.

Ricetta velocissima: borlotti surgelati (ma anche secchi o freschi, o altre varietà), un po’ d’olio, un cipollotto, origano e del concentrato di pomodoro (ecco, se doveste usare i cannellini magari evitatelo.

Basta frullare i fagioli con un po’ dell’acqua di cottura (se usate quelli in scatola magari potete allungare con un po’ di brodo vegetale) e versarli in una pentola in cui avrete preparato un soffritto con il cipollotto e del concentrato di pomodoro. Io non ho usato troppo olio perché poi l’avrei aggiunto a crudo, giusto un filo per fare amalgamare il concentrato e appassire il cipollotto. Ricordatevi di girare il composto per tutto il tempo di cottura (due minuti, non di più), altrimenti si attacca. Dopo di che l’ho messo in un contenitore e condito con poco olio crudo e una spolverata di origano.

Ieri sera era buono, ma oggi dopo aver passato la notte in frigo lo era ancora di più. Saporitissimo. E sano.

_MG_0023pub

Un piatto velocissimo da preparare ma leggero e nutriente. Io non ho potuto accompagnarlo con del buon pane azzimo, che è sicuramente la morte sua, un po’ perché non l’avevo, un po’ perché non sarei riuscita a mangiarlo… ma anche dei cracker all’avena secondo me non dovrebbero stonare. Aspetto solo qualche giorno prima di prepararli…

4 commenti:

Moscerino ha detto...

secondo me sei stata troppo disfattista nel commento lasciato da me...il tuo blog non versa in totale abbandono, una ricetta ogni tanto è meglio di niente. e pensa che sei pure riuscita a pubblicare mentre sei convalescente per le tonsille!!!
come si suol dire, la necessità aguzza l'ingegno...questa cremina di fagioli è un'idea geniale! e che ne pensi di farla con i ceci? una specie di hummus credo...ma non saprei dirti con certezza, mai mangiato! :)

Giorgia ha detto...

:) troppo buona! comunque ho pubblicato mentre ero convalescente solo perché lavoravo di meno purtroppo :)
ho già provato a fare l'hummus, sai? però non mi fa impazzire da solo, il pane è fondamentale. ma io ancora non riesco a mangiarlo purtroppo (il che da un lato è positivo, avrei dovuto comunque eliminarne una parte dalla dieta perchè mangiavo veramente troppi carboidrati).

Cannella ha detto...

Ciao, abbiamo due cose in comune, la città e ....le tonsille, ma io me le tengo....(sono al secondo "giro" di antibiotici)
Buona la ricetta! Ciao!

Giorgia ha detto...

cannella! ciao! un'altra torinese, che bello! le tonsille un po' meno... ma io ero in condizioni disperate: un paio di tonsilliti al mese di quelle in cui non riesci nemmeno a mangiare. solo che mica potevo prendere così tanti antibiotici. e mi è toccato toglierle, ma fai bene a tenerle se puoi :). benvenuta!