domenica 29 gennaio 2012

Gnocchi alla crema di Brique de Jussac e sale affumicato norvegese

 

_MG_0712a

Buon anno a tutti! Con un certo ritardo, come mio solito…

Purtroppo a ottobre è iniziato un periodo faticosissimo che non accenna a concludersi, e non mi è più capitato di poter cucinare granché… o meglio, cucino poco e non ho mai tempo di fotografare. Anche oggi, a dir la verità, non ce l’ho fatta. Ma la nostalgia del blog c’è e avevo voglia di lasciarvi qualcosina… non gli gnocchi ma la foto del sale, scattata all’ora del tè.

Oggi a Torino nevica, e parecchio, e di ritorno dalla passeggiata al parco con i due quattrozampe avevamo voglia di uno di quei piatti invernali che più invernali non si può… peccato fosse già l’una…

Avendo ormai abbandonato l’idea del “preparo tutto io” ma non volendo ripiegare sulla polenta precotta (ebbene sì, avremmo voluto una bella porzione di polenta concia), mi sono fiondata al supermercato a recuperare gnocchi e formaggio.

Ho trovato degli gnocchetti non male e me li sono fatti andare bene.

Quando li preparavo io ero solita bollire le patate, pelarle e impastarle con 1/4 del loro peso in farina. Niente tuorlo, ma li cuocevo immediatamente e appena venivano a galla li tuffavo in una ciotola di acqua fredda per fermare la cottura, poi li conservavo fino anche al giorno dopo in una ciotola con un goccio (ma proprio un goccio) di olio di oliva. Al momento di prepararli basta farli saltare in padella finché non si sono insaporiti a dovere.

Per la salsa ho trovato questo Brique de Jussac vaccino che è molto simile ad una paglierina ma di forma rettangolare.

In una padella ho versato un goccio di panna e ho fatto rapidamente sciogliere il formaggio. E’ una salsa di per sé già piuttosto saporita, per cui ho aggiunto un pizzico (ma davvero un pizzico) di questo sale norvegese affumicato che è una vera delizia. Bisogna fare attenzione a dosarlo perché definirlo un gusto dominante non gli rende giustizia, ma quel retrogusto piccante che lascia ha dato un tocco veramente particolare al piatto. Sicuramente se fossero stati gnocchi fatti in casa sarebbe stata un’altra storia, ma al momento ci siamo dovuti accontentare di questi…

Spero che almeno la foto sia di vostro gradimento, perché a me è piaciuta molto.

4 commenti:

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

Anche qui nelle Langhe nevica abbondantemente
:-)
Io mi sono buttata su una zuppa di ramen bollente

mariangela ha detto...

gradita la foto e anche la ricetta, quando non si ha tempo o voglia anche ignocchi comprati al supermercato vanno bene, se ne trovano di decorosi.
buon anno anche a te

Giorgia ha detto...

@twostella: è sempre un piacere ritrovarti:) quanto ai ramen... dovrei provarli in effetti.
@mariangela: grazie! in effetti se ne trovano di decorosi, hai ragione. certo è che però quelli fatti in casa... :)